Guest post… Un viaggio a piedi nella neve, così il figlio riunisce i genitori

Oggi navigavo qua e là e questo articolo mi ha commosso infinitamente volevo condividerlo con voi 

Elisabetta

Articolo da la Stampa del 25/01/2017DiANTONELLA BORALEVI
Ci sono quattro metri di neve, tra i monti Sibillini e i monti della Laga, su per i boschi di faggi e di castagni. Neve intonsa, che nessuna ruspa finora ha trovato il tempo di sfiorare. 
La strada è bloccata da giorni. 
La neve fresca sono sabbie mobili che ingoiano le gambe, ogni passo sollevi una montagna.  

Acquasanta Terme, duemilaottocento abitanti, un bel paese sperso in alto, a 19 km da Ascoli Piceno, è un tumulo bianco. La neve è dappertutto e è insormontabile. 

Ma l’amore, e mi secca doverlo dire proprio io, che della retorica dell’amore sono nemica giurata, davvero vince tutto. 

Romolo Nespeca, quaranta anni e qualcosa, venerdì scorso ha attraversato, un passo per volta, una gamba per volta, talvolta a gattoni, per due ore e mezzo di cammino, quell’universo bianco e gelato.  

E’ andato nella frazione di Venamartello, ha preso tra le braccia sua madre, che di anni ne ha sessanta e di forza fisica molta meno di lui.  

Era già buio.  

E siccome non arrivavano né l’elicottero né lo spazzaneve, Romolo, con la mamma tra le braccia, talvolta sorreggendola, talvolta spingendola nel passaggio stretto che si sforzava di scavare con le mani nella muraglia di neve, ha fatto altre due ore di cammino, per arrivare all’ospedale. 

Sulla porta, è quasi svenuto dalla fatica. 

Ma era lì. Ce l’aveva fatta. 

All’ospedale, c’era suo padre che moriva. 

Romolo e sua madre non volevano che morisse solo. 

Alle nove di sera, in quell’ospedale che era irraggiungibile ma che l’amore ha raggiunto, quel marito e quella moglie che avevano diviso la vita, si sono potuti abbracciare.  

«A mezzanotte» ha detto Romolo «mio padre è morto,tra le braccia di mia madre». 

Perchè ho scelto di raccontarvi questa storia? 

Ho sentito l’obbligo di farlo.  

Perchè certe volte l’amore trionfa davvero.  

E la retorica perde. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...